vdib martina

VdIB Martina 81- 76 Bisceglie [foto]

Martina-Bisceglie non ha tradito le attese. Ci è voluto un tempo supplementare per decretare il vincitore di una contesa intensa, vibrante e ad alto contenuto agonistico, come solo un derby di questa caratura sa offrire.

Un derby che si colora di arancio-blu, emulando la meravigliosa coreografia di inizio gara che il pubblico martinese ha voluto riservare ai ragazzi di Aldo Russo, scesi in campo con tutt’altro piglio rispetto alle ultime tre gare e desiderosi di riscatto verso un ambiente unito più che mai dinanzi alle difficoltà. La vittoria per 81-76 deve essere vista però solo come un punto di partenza e di ritrovata fiducia nel prosieguo della stagione e sulla strada dell’obbiettivo salvezza.

La gara: coach Russo presenta in quintetto Cunico, Marra, D’Arrigo, Bergamin e Spera, mentre coach Fantozzi risponde schierando Cercolani, Torresi, Gambarota, Drigo e Cecchetti. La partita inizia bene per la DueEsse che, grazie ad un’ottima circolazione di palla, dopo 6’ di gioco è già avanti 18-8 sul Bisceglie, con un Alessandro Marra sugli scudi. L’Ambrosia prova allora ad alzare il ritmo in difesa e rientra fino al -5, prima della tripla di Spera che riporta i suoi sul +8 (21-13 al 7’). Ma la squadra di coach Fantozzi non si perde d’animo, recuperando sempre più punti fino ad arrivare alla fine della prima frazione sotto di 4 lunghezze e con la DueEsse avanti 23-19.

L’avvio di secondo quarto vede subito il secondo fallo personale fischiato a Bergamin, prontamente richiamato in panchina da coach Russo che lo sostituisce con Dell’Agnello. Ciò nonostante la DueEsse riesce a trovare il canestro con continuità e arriva nuovamente sul +6 grazie ad un jumper dalla media di Marengo (28-22). Si respira sempre più aria di derby e la sua influenza sul match inizia ad avvertirsi con lo scorrere del tempo. A 5’ dalla fine del quarto la DueEsse, con una difesa solida, crea grattacapi all’attacco biscegliese che non riesce a trovare soluzioni e tiri aperti. Di contro però la squadra di coach Russo è bloccata offensivamente, vedendosi quasi raggiunta dall’Ambrosia (32-30 al 16’), e portando il coach campano a chiamare timeout. È D’Arrigo, sul finire della seconda frazione, a permettere alla squadra della Valle D’Itria di chiudere avanti per 37-35.

Nel terzo quarto la DueEsse rimpingua il vantaggio e grazie ad una difesa aggressiva e alle triple di Marra allunga sul 42-35. Bisceglie prova a reagire con orgoglio, mettendo le mani addosso e sporcando tanti palloni che le permettono di ricucire il gap dal -9 al -4 (44-40 al 24’). L’inerzia è cambiata e l’ex di turno Mauro Torresi, con una tripla, firma il primo vantaggio per i suoi (44-45) con Bisceglie che chiude avanti il terzo quarto per 46-50. La DueEsse paga, in questa frazione, le difficoltà nel trovare la via del canestro forzando alcune conclusioni dall’arco dei 3 punti.

L’ultimo periodo inizia sulla falsariga del finale di terzo quarto, ovvero con un Martina imballato e l’Ambrosia Bisceglie che ne approfitta, scappando via fino a toccare il massimo vantaggio sul 46-55 al 32’. D’Arrigo dà la carica con una bomba che avvia la rimonta blu-arancio, agevolata anche dalla ritrovata intensità difensiva della DueEsse, brava a non disunirsi e rientrare sul -4 (53-57 al 35’) che costringe al timeout coach Fantozzi. Al rientro delle squadre sul parquet la musica non cambia: la DueEsse ha nuovamente riportato l’inerzia a suo favore e Bergamin, con una tripla, riporta avanti i suoi sul 60-57 a 2.47’ dalla fine. I minuti finali sono convulsi e in un azione di contropiede è Marra a farne le spese, uscendo per una distorsione al ginocchio da valutare nei prossimi giorni. È Cunico a prenderne il posto e a realizzare a 27’’ dalla fine la tripla del 65-62. Ultimo possesso nelle mani di Bisceglie che beneficia di un fallo con rimessa in zona d’attacco. Quando il cronometro segna solo 3’’ alla sirena finale sembra finita, ma Chiriatti riesce a costruirsi un incredibile tripla con fallo, subito da Marengo, che può consegnare una vittoria insperata a Bisceglie. Il Pala Wojtyla è una bolgia e induce all’errore Chiriatti che sbaglia dalla lunetta, mandando tutti all’overtime sul 65-65.

Il match sembra non voler concludersi e anche durante il supplementare si prosegue punto a punto, facendo tremare le coronarie alla maggior parte del pubblico. È Marengo ad infiammare definitivamente il Pala Wojtyla, dapprima con uno spettacolare gioco da tre punti in penetrazione (non concretizzato per via del libero sbagliato, ndr) che porta il risultato sul 73-73 e, successivamente, con una palla recuperata a Torresi e finalizzata dal contropiede del vantaggio DueEsse sul 75-73, a 1.35’ dalla fine. La squadra di coach Russo questa volta non si fa cogliere impreparata e grazie alla penetrazione di Bergamin affonda l’allungo decisivo (77-73 a 51’’ dallo scadere). Gli ultimi secondi sono interminabili ma il Martina controlla dalla lunetta, spegnendo le residue speranze dell’Ambrosia. Il derby termina con la vittoria meritata della DueEsse per 81-76, tra l’esultanza di tutto il popolo arancio-blu.

Tabellini:

  • DueEsse Basket Martina: Caroli ne, Cunico 5, Dell’Agnello 1, Bergamin 17, Ragusa ne, D’Arrigo 14, Varrone, Spera 14, Marra 21, Marengo 9. Coach Russo
  • Lions Basket Bisceglie: Zanotti 14, Torresi 15, Chiriatti 5, Drigo 14, Ricchiuti ne, Totagiancaspro ne, Cercolani 3, Cecchetti 16, Buono 5, Gambarota 4. Coach Fantozzi
  • Arbitri: Silvia Marziali di Roma (RM) e Marco Marsico di Roma (RM).
  • Parziali: 23-19; 37-35; 46-50; 65-65; 81-76.
  • DueEsse Basket Martina: TL 14/27 T3 9/16.
  • Lions Basket Bisceglie: TL 11/17 T3 9/10.

VdIB Martina 74 – 68 Falconara [foto]

Il basket a volte trasforma l’imponderabile in realtà: è questa la sintesi di un match che, al pari di quello con Palermo e Agropoli della scorsa stagione, è destinato ad entrare nella storia del basket martinese e a confermare, semmai c’è ne fosse bisogno, come il lavoro e il sacrificio paghi sempre. Di seguito nota dell’ufficio comunicazione VdIB Martina:

La DueEsse Basket Martina batte la Sandretto Falconara per 74-68, al termine di una gara condotta magistralmente dai ragazzi di Aldo Russo e frutto di una perfetta applicazione difensiva e offensiva del piano partita. La Sandretto non riesce mai a prendere in mano la gara per merito di una DueEsse fin da subito concreta e continua in tutti e 40 i minuti, così come chiesto dal suo condottiero Aldo Russo.

La gara: coach Russo parte con Marra, D’Arrigo, Marengo, Bergamin e Spera, mentre coach Reggiani risponde schierando Alessandri, Ruini, Tessitore, Mastroianni e Maganza, con Di Viccaro inizialmente in panchina.

Il primo canestro del match porta la firma di Spera a cui risponde subito Tessitore. L’equilibrio iniziale tra le due squadre è rotto da D’Arrigo che con una tripla porta il risultato sul 7-4. Spera è una furia e in contropiede inchioda il 9-6 che diventa 10-6 con il tiro libero aggiuntivo in seguito al fallo subito. Ottima, come di consueto, la zone press difensiva ordinata da coach Russo che imbriglia le trame offensive di Falconara, inducendola a inconsueti errori al tiro. Marra entra fin da subito in partita con la tripla del primo mini-vantaggio sul 13-6 a 5.57’. Alessandri però, con due piazzati consecutivi, riporta a galla i suoi sul 13-10, seguito a ruota da Ruini che dalla lunga pareggia il risultato. Marra è un’autentica spina nel fianco nella difesa marchigiana e le sue triple iniziano a far male (16-13 a 2.50’). La partita tuttavia continua a procedere sui binari dell’equilibrio, con Micevic bravo dalla lunga, anche grazie all’aiuto del tabellone, a ristabilire ancora una volta la parità sul 16-16, a meno di 2’ dalla fine del primo quarto. Falconara alza le sue medie dall’arco e grazie al gioco da 4 punti di Tessitore vola sul 16-20, prima del botta e risposta Cunico-Micevic che chiude il quarto sul 18-22 a favore degli ospiti.

Marengo inaugura il secondo periodo con un canestro dalla media e a fil di sirena, seguito dalla penetrazione di un Cunico sofferente e centellinato durante la restante parte del match per una botta al tendine di Achille. La DueEsse riaggancia così Falconara prima dello show di Ruini che con due triple consecutive e una penetrazione offre il +6 agli ospiti (24-30 al 4’). I ragazzi di coach Russo sembrano accusare inizialmente il colpo, non riuscendo ad essere fluidi in attacco così come si dimostrano invece in difesa. Ma il grande cuore e la voglia messa in campo dai blu-arancio portano ad infiammare la contesa, con la DueEsse nuovamente a -1 (33-34 a 7.26’). È ancora Marra con 2 liberi, un canestro in contropiede e una tripla allo scadere a portare sul +6 il Martina che chiude così la seconda frazione sul 41-36.

Marra è incontenibile e apre il terzo quarto con un altro piazzato (43-36), ma 5 punti in un amen di Maganza e Micevic ridanno il -2 a Falconara. Marengo è un leone e trascina i suoi compagni confezionando il 45-41, mentre dall’altra parte è Maganza a far valere la sua stazza e ad accendere il duello sotto le plance con capitan Spera (uscito vincitore con una doppia doppia condita da 11 punti e 14 rimbalzi, ndr). Il vantaggio minimo del Martina si mantiene tale grazie a un gioco a due tra Marra e D’Arrigo per il 51-47 a cui, prontamente, risponde Tessitore, freddo dalla lunetta a ristabilire il -2. Bergamin inizia a prendere fiducia con il canestro e la sua tripla, unita al contropiede di D’Arrigo, fa volare la DueEsse sul 56-49. Anche Di Viccaro, lanciato nella mischia da coach Reggiani e all’esordio in campionato, si dimostra da subito letale dai 6.75, riportando Falconara a -3 che diventa -1 con il canestro di Eliantonio. La capolista prova così a rifarsi sotto, senza però impedire a Dell’Agnello di procurarsi un ultimo, intelligente fallo, che lo porterà al 2/2 dalla lunetta per il 58-55 di fine terzo quarto.

L’ultimo quarto vede Tessitore impattare il risultato con la tripla del 58-58 che fa presagire un finale di gara combattuto. Bergamin però è lesto a rispondere subito con la stessa moneta, riportando nuovamente in vantaggio il Martina sul 61-58. La partita si fa ancora più appassionante e Marra (MVP dell’incontro con 27 punti e 5/5 da 3) si prende definitivamente la scena con la tripla dell’allungo decisivo sul 66-61. La DueEsse scappa via sul 71-63, trascinata da Spera e Marra, che diventa 74-66 a 1 minuto dalla fine con la bomba di D’Arrigo. Alessandri prova a far rimanere in partita i suoi con i liberi del 74-68 ma la DueEsse mette in ghiaccio un vittoria stoica ed epica, confermandosi “ammazza capoliste”.

Tabellini:

  • DueEsse Basket Martina: Camassa ne, Lombardo ne, Cunico 6, Dell’Agnello 4, Bergamin 13, D’Arrigo 10, Varrone, Spera 11, Marra 27, Marengo 3. Coach Russo
  • Sandretto Falconara Basket: Pozzetti 3, Ruini 11, Battagli ne, Alessandri 8, Di Vaccaro 12, Maganza 10, Eliantonio 5, Mastroianni, Micevic 11, Tessitore 8. Coach Reggiani
  • Arbitri: Marco Leggiero di Lecce (LE) e Danilo Lucarella di Leporano (TA).
  • Parziali: 18-22; 41-36; 58-55; 74-68.
  • DueEsse Basket Martina: TL 7/8 T3 9/16.
  • Sandretto Falconara Basket: TL 10/15 T3 10/28.

VdIB Martina 66 – 63 Vasto [foto+video]

La VdIB Martina torna alla vittoria, e lo fa fra le mura amiche del Palawojtyla, bissando il successo nel derby di Taranto, con un sudato 66-63 contro Vasto. Una partita sicuramente non emozionante né spettacolare, ma dopo il brutto KO di Pescara quello che contava era la vittoria e per i ragazzi di coach Russo questa è arrivata, seppur con qualche patema di troppo.
I bluarancio partono benino (8-6 dopo 5’) e chiudono il primo quarto sul 18-17. Il secondo quarto si apre sullo stesso canovaccio del primo: itriani imprecisi negli appoggi e un po’ arruffati, col Vasto che ne approfitta, portandosi prima sul 26-29 e poi sul 34-34.

Nonostante gli scossoni e la verve di coach Russo, la VdIB anche nel terzo quarto continua ad essere imprecisa sia nella manovra che nelle conclusioni a canestro (specie i liberi, vero e proprio tormento specie per D’Arrigo), riuscendo comunque a chiudere sul 49-47. Nel finale, spinti dalle triple di Bergamin (22 punti a referto) dalla verve di Spera (15 punti) e da Marra (12 punti) i bluarancio vincono di tre e conquistano due punti preziosissimi per il morale e la classifica.

VdIB Martina 77 – 57 Casa Euro Taranto [foto + video]

Un derby importante per tanti motivi: per la vittoria conquistata, per la classifica che si smuove, per la storica rivalità con Taranto. Il 77-57 di ieri racconta di una VdIB Martina che lotta, fa gioco e sa anche gestire il vantaggio, il tutto grazie alla regia di coach Aldo Russo, grande motivatore nonché tecnico preparato e abile nella lettura del match.

Davanti ad un pubblico caldissimo e che ha incitato i propri beniamini fino all’ultimo secondo, i bluarancio nel primo quarto partono malino, andando sotto 6-12 e riemergendo fino al 21-21. Nel secondo quarto, spinti da Bergamin (17 punto) e dalle triple di D’Arrigo (16 punti), la VdIB cresce in intensità agonistica, stacca Taranto e chiude sul 43-29. Nel terzo quarto il canovaccio non cambia: Taranto nervoso e poco preciso negli scambi e al tiro e Martina che riesce tutto sommato a gestire il vantaggio, che resta a +12 (61-49). Nel finale emerge la stanchezza anche nei ragazzi di Aldo Russo, che sbagliano tanto sia nei passaggi che al tiro, ma Taranto se possibile riesce a fare anche peggio, col divario che aumenta minuto dopo minuto, fino a raggiungere i 20 punti nel definitivo 77-57. Da segnalare anche le ottime prestazioni di capitan Spera (13 punti), Varrone (10 punti) e Cunico (8 punti).

Coach Russo è soddisfatto: “Dedico questa vittoria al pubblico, che ci è stato vicino anche in settimana, alla società e ai ragazzi. Non sono stati giorni facili, soprattutto sotto l’aspetto emotivo. Ne avevamo davvero bisogno tutti. In più i 2 punti sono maturati dopo 40 minuti di ‘pallacanestro’ giocata ad ottimi livelli, con tensione agonistica e grande energia. Credo che abbiamo offerto un bellissimo spettacolo, in un palazzetto gremito che ci ha incitato sin dall’inizio”.

Tabellini:

  • DueEsse Basket Martina: Camassa, Cunico 8, Dell’Agnello 4, Bergamin 17, Ragusa, D’Arrigo 16, Varrone 10, Spera 13, Marra 6, Marengo 3. Coach Russo
  • Casa Euro Basket Taranto: Osmatescu, Circosta 13, Malfatti 9, S.Potì 19, Conte 3, Tinto 7, Pannella, Stola, Panzieri, Maggio 6. Coach Putignano
  • Arbitri: Ivan Cordone di Vigevano (PV) e Denny Lillo di Brindisi (BR).
  • Parziali: 21-21; 43-29; 61-49; 77-57.
  • DueEsse Basket Martina: TL 12/21 T3 7/15.
  • Casa Euro Basket Taranto: TL 5/7 T3 8/25.

VdIB Martina Franca – Mola di Bari 84-75 [foto + video]

Chiusura di regular season col botto per la Valle d’Itria Basket Martina, impegnata ieri al Palawojtyla di Martina Franca contro Mola di Bari. Risultato finale 84-75 e playoff contro Agropoli, con gara1 fissata per domenica 26 aprile: questa l’estrema sintesi di un match dove la banda di coach Aldo Russo ha giocato a mente libera, avendo già centrato in anticipo l’obiettivo playoff.

E Russo ha dato ieri la possibilità di calcare il parquet a tutti i giocatori a disposizione (compresi Angelini, Niso e Camassa) che hanno di fatto effettuato un test in vista della sfida contro Agropoli, compagine temibilissima e contro la quale ci sarà sicuramente da faticare in tutte e tre le gare.

Dopo un primo quarto equilibrato (23-22), nel secondo i baresi rimontano e chiudono sul 40-43. Pronta la ripresa dei blu-arancio nel terzo parziale (58-56), spinti dalle triple di Schiano (25 punti in score), da Salvadori (21 punti) dal capitano Di Marco (13 punti) e da Marchisio (12 punti). Nell’ultimo parziale i baresi mollano, concedendo qualcosa in più agli itriani, che in scioltezza chiudono a 84-75.

Ora una settimana di lavoro tecnico-tattico in vista della trasferta ad Agropoli, pronti a stupire e a regalare altre gioie ai tifosi, già al lavoro per seguire il match in Campania. Prossima gara al Palawojtyla giovedì 30 aprile, quando andrà in scena gara2.